martedì 13 maggio 2014

Martedì della IV settimana di Pasqua

La voce


At 11,19-26   Sal 86   Gv 10,22-30
 Io e il Padre siamo una cosa sola

Credere in Cristo è ascoltare la sua voce. Egli chiama a seguirlo. Noi siamo invitati a rispondere. E lo faremo se lo riconosciamo come Dio. Soprattutto nel suo atto supremo della donazione di sé sulla croce per noi. La nostra coscienza sarà illuminata dalla sua guida.

Come pecore seguiremo il nostro pastore buono. Ne riconosceremo la sua voce. Una voce amica di padre che dimostra premura per i propri figli. A differenza di tanti mercenari che provano ad insinuarsi nella nostra vita. I quali rendono schiavi per finalità puramente mondane.

Cristo, invece, ci guida alla vita piena ed eterna. Quella che il cuore attende per godere la felicità duratura che viene da Dio. E' uno stato d'animo da conquistare attraverso prese di posizione a favore della giustizia e della misericordia. Sofferte, ma vere e decisive per la nostra autenticità.

Nessun commento:

Posta un commento