giovedì 15 ottobre 2015

Gli ultimi


Gli presentavano dei bambini perché li toccasse, ma i discepoli li rimproverarono. Gesù, al vedere questo, s’indignò e disse loro: «Lasciate che i bambini vengano a me, non glielo impedite: a chi è come loro infatti appartiene il regno di Dio. In verità io vi dico: chi non accoglie il regno di Dio come lo accoglie un bambino, non entrerà in esso». E, prendendoli tra le braccia, li benediceva, imponendo le mani su di loro. 

Mc 10, 16


Gli ultimi saranno i primi nel regno di dio. Con questa consapevolezza accogliamo l’invito di Dio ad essere come bambini. Anche loro spesso non presi in considerazione ma docili all'ascolto. Ci insegnano ad accogliere senza differenze ed a perdonare senza rancori. Soprattutto a mettere Dio al primo posto come Padre buono.


Nessun commento:

Posta un commento