domenica 15 novembre 2015

Cos'hai?



I saggi risplenderanno come lo splendore del firmamento; coloro che avranno indotto molti alla giustizia risplenderanno come le stelle per sempre (Dn 12, 3).

Tanti sono i veli che possono offuscare le tue giornate. Quelli che ti fanno vedere tutto buio. A volte sciocchezze. Altre volte pensieri del passato o eventi negativi. Basta che qualcuno ti dica cos'hai? E tu già cominci a riemergere da quel buio. Il fatto che una persona ti prenda in considerazione aiuta. Non sono angeli quelli che ti si affiancano nel cammino?

Non esseri spirituali ma amici, conoscenti. Gente comune. Ancora di più quelli che ti fanno da guida indicandoti quella via d'uscita che desideri tanto. Ricordo proprio quel giorno quando il petto mi stringeva ed un nodo allo stomaco mi chinava. Riuscivo solamente a piangere. Quello mi riusciva bene. Cos'hai? Mi disse un amico.

Mi colpì il tono di voce, anzitutto. Dimostrava attenzione e non banalità. Quell'ipocrisia che in tanti vedevo, soprattutto in chi mi diceva che c'erano altri peggio di me. Sì, ma io stavo male! E quella persona mi mise nella condizione di poter esprimere quello che provavo. Era interessata a quello che dicevo, anche se balbettavo senza senso. Mi ascoltava.

Quel giorno per me fu un nuovo inizio. Ritrovai in me forza e coraggio per continuare la mia vita. Ringrazio Dio perché: Egli manderà gli angeli e radunerà i suoi eletti dai quattro venti, dall'estremità della terra fino all'estremità del cielo (Mc 13, 25). E so che lo farà sempre. Oggi provo ad essere un angelo. Quando non lo sono, cerco un angelo per rivivere quel giorno e ricominciare. Sempre.

Nessun commento:

Posta un commento