domenica 2 aprile 2017

In cammino verso te

5a domenica di quaresima - anno A
 
Sì, o Signore, io credo che tu sei il Cristo, il Figlio di Dio, colui che viene nel mondo (Gv 11, 27).

Alzo gli occhi verso il monte. Limpido e chiaro il luogo del mio rifugio. Sei Tu Signore. Tu che mi doni forza per camminare ed affrontare gli ostacoli. Tu che mi doni compagni di viaggio per sostenermi. Tu che mi nutri con la tua Parola di salvezza e mi riempi di speranza, come il sole dopo un temporale.

Tu che mi dai libertà per esprimermi. Quella stessa che mi spinge a cercare i fratelli ed a riconoscermi con loro tuo figlio amato. Le spine sono fiori se orientare a te; il peccato occasione di crescita. Se pur avessi tutto l’oro del mondo, non avrei quella sazietà del cuore di cui godo. Forse solo mera paura di perdere il posseduto guadagno, ma non il timore di Te, della tua grandezza d’amore. Quella sola mi necessita.

E come un passero volo nel cielo terso. Nell’azzurro dell’aere mi trastullo di serenità. Quella che trabocca dal cuore e scende come goccia nella storia. Dove Tu ti avvicini a me per cercarmi e condurmi in quella via che avevo smarrito. Mai le parole umane possono dire tanto. Neanche io esprimere il fremito di averti incontrato. Se anche ti perdessi ancora, sprofondando negli abissi più profondi, so che anche lì mi cercherai per sussurrarmi il mio nome.

Ti rendo lode o Padre e come una stella splendo di luce riflessa unendomi a quei tanti puntini che costellano il manto del Tuo amore. E sereno seguo la scia della grande stella cometa che in Tuo Figlio Gesù risplende e si orienta. Come Lazzaro esco bendato dal sepolcro della morte e navigo nella Tua luce.

Nessun commento:

Posta un commento