sabato 8 dicembre 2018

Ritrovarsi


2a domenica di avvento - anno C

Preparate la via del Signore, raddrizzate i suoi sentieri! Ogni uomo vedrà la salvezza di Dio! (Lc 3,4-6)

L'otto dicembre è il giorno delle decorazioni natalizie. Nelle case si addobbano alberi e si allestiscono presepi. Le strade si illuminano con svariati tipi di luci. A casa quest'anno ho messo solamente una serie sul balcone ed una piccola renna. Ma negli anni passati  abbellivo pini con diverse fantasie: rosso e dorato o blu ed argentato.

E' un'atmosfera che mi piace. Ci si prepara a vivere il Natale rendendo tutto più caldo ed accogliente. Giovanni Battista, invece, segue un'altra direzione per vivere il suo avvento. Lascia tutto e se ne va nel deserto. Non segue la tradizione, che lo vorrebbe ad officiare riti nel tempio di Gerusalemme, ma cambia direzione.

E' come se noi andassimo a celebrare il Natale con chi non ha nulla. Il battista, infatti, con la sua testimonianza ricorda l'importanza di far nascere Gesù nel cuore. Difficile capire il cuore. Non impossibile. Occorre, anzitutto, saperlo ascoltare per far venir fuori le bellezze che nasconde. Per questo Giovanni sceglie il silenzio del deserto.

Perché in quella quiete si può ascoltare il proprio intimo ed indirizzarlo verso Dio, che ne è la sorgente. Ritrovando se stessi si entra nel vero senso della vita e nella gioia del Natale. I preparativi per il Natale sono veramente affascinanti. Tuttavia, a mio avviso, dovrebbero trasmettere la pace che è nel cuore, che è sempre da ritrovare.

Nessun commento:

Posta un commento