domenica 3 marzo 2019

Un giorno in più

8a domenica del TO - anno C

Risplendete come astri nel mondo, tenendo salda la parola di vita. (Fil 2,15d-16a)

Il tema luce-tenebre è molto presente nel tempo natalizio. E' affascinante quel periodo per l'oscurità prolungata della giornata. Vedere Cristo che viene nella storia come luce di novità si inserisce in un adeguato contesto. Adesso in cui la luce del giorno si allunga e la primavera è alle porte, la similitudine con la novità coinvolge di più.

Mi piace, infatti, paragonare la vita alla natura che si risveglia e si prepara alla pienezza dell'estate. Pensavo questo nella bella giornata di sole che oggi mi sono goduto con una pedalata in bici. Finalmente. Dopo il freddo e la neve, un giorno tiepido da gustare. Mi sono immerso nel verde dei miei tranquilli luoghi, scegliendo stradine quasi isolate, ma ricche di vegetazione.

Mi sono riempito di aria fresca. Così nel mio contemplare ha pensato alla luce che Cristo può dare agli occhi. Quella che anzitutto permette di vedere dentro e notare diverse zone gelate che hanno bisogno di essere risvegliate. Lo sguardo del nazareno e alto, profondo e misericordioso. Consente di raggiungere le altezze per mirare grandi e bei panorami.

Lui sul serio può guidare a una vita piena, ricca di ampiezze. D'altronde Gesù parla della nostra testimonianza di cristiani come di luce che rifulge da luoghi alti per illuminare ed essere ammirata. Spesso, però, la nostra cecità, ripiegata su noi stessi, non fa scorgere questa possibilità. La trave che abbiamo dinanzi agli occhi ci rende mediocri e pessimisti.

Nessun commento:

Posta un commento