domenica 28 aprile 2019

Dolci pasquali


2a domenica di Pasqua - anno C
 
La sera di quel giorno, il primo della settimana, mentre erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano i discepoli per timore dei Giudei, venne Gesù, stette in mezzo e disse loro: «Pace a voi!». Detto questo, mostrò loro le mani e il fianco. E i discepoli gioirono al vedere il Signore. (Gv 20, 19)

Per Pasqua si preparano tanti tipi di dolci. Non è festa se non s’è la pastiera, la colomba o altri tipi di delizie. Le tradizioni sono molte. Ed, in effetti, il dolce è segno di festa. Averli a tavola esprime la gioia dello stare insieme. In passato erano quasi un premio per il lungo digiuno quaresimale. Per questo motivo erano meglio apprezzati, visto che oggi li abbiamo sempre.

Esprimono le primizie della nuova primavera, quella che per noi cristiani è la resurrezione di Cristo. Vita nuova che trasforma la storia, trascendendola nella definitiva gioia dello stare con Dio. Gioia espressa in un grande banchetto conviviale. A livello spirituale, il triduo pasquale ricorda che la gioia del cristiano è vivere come Cristo il tempo del dolore e della solitudine.

Abbandonato da tutti, il nazareno segue il disegno di suo Padre che gli chiede di assumere il dolore e la morte come passaggio alla piena dimensione dell’eternità. Questa è la vera gioia, paragonabile all’impegno culinario nel preparare dolci buoni e gustosi: l’impegno con sacrificio, la dedizione per amore producono frutti che durano per sempre.

Il Cristo Risorto è proprio segno di un amore che supera la morte. Egli appare ai suoi apostoli glorioso, ma con i segni della passione. Nella vita definitiva porta i segni della sua identità di un messia che soffre e muore per amore. Si spezza per donarsi, come il pane, come i dolci pasquali, portando la gustosa novità di Dio nel mondo.

Nessun commento:

Posta un commento