sabato 6 aprile 2019

Perdono ritrovato

5a domenica di quaresima - anno C

Ritornate a me con tutto il cuore, dice il Signore, perché io sono misericordioso e pietoso.
 (Gl 2,12-13)

Prima mi confessavo spesso. Avevo l’ossessione del peccato. Scrupolosamente andavo alla ricerca della più piccola mancanza. Se dimenticavo qualcosa, ero capace di ritornare dal confessore. Tuttavia non miglioravo e questo mi dava fastidio. Molte erano le penitenze che mi affibbiavo, quasi per punirmi. Perchè fai questi fioretti? Mi chiese un sacerdote. Non seppi dare una risposta. Mi sono auto flagellato per molto tempo. Mi mancava la gioia del perdono.

Quella è l’unica che può far nascere acqua nel deserto. Seppur è necessario riconoscere i peccati, è indispensabile vederli alla luce dell’Amore. Con quella mentalità che avevo spesso puntavo il dito. E tante cose non le facevo, come non andavo in luoghi particolari. La discoteca, per esempio, o le feste da ballo. Mi sono negato esperienze belle. La pensavo così e difficilmente mi smontavano.

Probabilmente anch’io avrei chiesto a Gesù di lapidare la donna adultera. Facevo lo stesso con me! Da diversi anni, grazie a Dio, ho riscoperto il sacramento della riconciliazione. Per me è ora un forte momento di incontro con la compassione di Dio. Prima lo ringrazio per i suoi benefici, poi lascio arrivare la sua luce nelle tenebre della mia vita. E se riconosco qualche mancanza me la lascio curare. So che Lui vuole questo. Vi confesso che l’assoluzione, intesa come formula, mi dice veramente poco.

Inoltre l’invito a non peccare più non mi fa più paura. So che Dio è con me pure in quelle tante buche che fanno parte di me. E lo saranno fino alla tomba. Se c’è qualcosa da estirpare certo è un forte senso di auto perfezione, che sempre si annida in modo sottile e subdolo. Mi sento veramente come la peccatrice perdonata. Ed è così che voglio vivere la mia Pasqua.

Nessun commento:

Posta un commento