sabato 1 agosto 2020

Gesto d'amore

18a domenica del TO - anno A 
Tutti mangiarono a sazietà, e portarono via i pezzi avanzati: dodici ceste piene. (Mt 14, 21) 

Diversi anni fa ero appassionato di velieri. Così, andai in un negozio di modellistica e trovai un'ampia scelta di navi da costruire. Mi consigliarono di cominciare con il Bounty. Mentre riflettevo sull'acquisto, mi sentii chiamare. 

Mi voltai e vidi un compaesano che conoscevo di vista. Egli mi disse di non comprare nulla perché, essendo un collezionista, mi avrebbe dato lui qualcosa. E mi invitò ad andare a casa sua. Qualche giorno dopo, sapendo dove abitava, mi recai da lui.

In tal modo vidi la sua collezione ed una nave da guerra che stava realizzando per la moglie. Poi, mi diede il progettino del Bounty con del materiale per realizzarlo. Questo ricordo ê riemerso meditando il Vangelo di questa domenica. In esso Gesù parla della logica del regno di Dio: condivisione ed attenzione all'altro.

Quello che Cristo stesso ha fatto della sua vita e che è simboleggiato dal pane che si spezza per amore. Bella l'immagine del prato dove la folla è invitata a sedersi per essere servita. Infatti, ancora una volta è la virtù dell'umiltà la base della vita cristiana. Con essa siamo invitati a non spadroneggiare, a non inchinarci al nostro egoismo, ma a trovare la vera gioia nel dare quel poco che abbiamo.

Nessun commento:

Posta un commento